Omicidio per vendetta a Lucera

carabinieri “I figli nessuno me li deve toccare, chi me li tocca muore” Queste le parole di Michelangelo De Cesare quando questa mattina i poliziotti hanno bussato alla sua porta per arrestarlo. Parole che celano un dramma famigliare, la morte della moglie avvenuta più di dieci anni fa e la sua totale responsabilità nella crescita dei figli. Oggi De Cesare è stato l’autore di un gesto inconsulto, dettato, forse, da un viscerale amore paterno. Ha esploso alcuni colpi di pistola e di fucile calibro 12, uccidendo Francesco Perrotti, 33enne di Lucera, che ieri durante un raduno di autotrasportatori a Misano Adriatico in provincia di Rimini, aveva preso a pugni suo figlio. Verso le 9.30 De Cesare lo ha atteso all’ingresso dell’ufficio della sua ditta in via Londra. I due hanno avuto dapprima un acceso diverbio, poi De Cesare ha impugnato una pistola ed ha esploso i primi colpi. Perrotti ha tentato disperatamente di sfuggire all’agguato, ma De Cesare è tornato verso la sua autovettura, una Fiat Brava, ha tirato fuori un fucile calibro 12 e lo ha puntato contro la sua vittima esplodendo due nuovi colpi, uno dei quali ha raggiunto Perrotti al fianco destro. Passanti e vicini hanno immediatamente chiamato il 118 e le forze dell’ordine. Al momento dell’arrivo dell’ambulanza Perrotti era ancora cosciente e prima di perdere i sensi, a causa della grande lacerazione provocata dai proiettili, ha dato indicazioni precise in merito al nome del suo attentatore. A quel punto gli agenti di polizia si sono recati presso la sua abitazione a Torremaggiore. L’uomo non ha opposto resistenza ed ha perfino indicato il posto dove aveva nascosto le armi utilizzate durante la sparatoria. Poi davanti al magistrato Pasquale De Luca della Procura della Repubblica del centro federiciano, ha raccontato che ieri Perrotti e il figlio Antonio avevano litigato violentemente a causa di futili forme di gelosie professionali. L’imprenditore lo avrebbe colpito ripetutamente con pugni in pieno volto. Perrotti, intanto, nella mattinata è stato sottoposto a due delicatissimi interventi chirurgici ma alla fine il suo cuore non ha retto. E’ deceduto verso le 17.30 a Foggia, dove era ricoverato nel reparto di rianimazione. Ora sul capo di De Cesare pesano le accuse di porto abusivo d’armi da fuoco e omicidio.

Fonte: Tatiana Bellizzi http://www.teleradioerre.it

Annunci

10 Responses to Omicidio per vendetta a Lucera

  1. MIKI ha detto:

    mi dispiace da morire. Conosco entrambi ed andavo a scuola con antonio. Anto un in bocca al lupo forte. Lo so che è dura.

  2. ...... ha detto:

    ke brutto mondo…

  3. ale ha detto:

    credo,che l’uomo non imparerà mai a vivere senza ammazzare, sicuramente mi dispiace, per tutta la vicenda, ma nn mi spiego questi gesti di follia, ammazzare un tuo simile,ma come si fa?? che tristezza!

  4. scania ha detto:

    non dite frottole francesco 2 schiaffi a tirato a quel stupido di de cesare e non si puo ammazzare un giovane cosi non si puo francesco lascia la moglie 28 enne un figlio di 2 anni e una figlia di 3 mesi secondo voi e bello

  5. michele ha detto:

    ha fatto bene.. primo o poi sarebbe avvenuto il contrario.. se qualcuno ti minaccia di morte e c’è stata anche un aggressione violenta.. l’unica risposta per sopravvivere… è rispondere…
    si chiama sopravvivenza.. come nella jungla

  6. Pierpaolo-Ottavio ha detto:

    Volete mettere a confronto due pugni con una vita?! Secondo noi quel camion è veramente il migliore e vi confermiamo che anche noi come i parenti di Francesco, abbiamo vissuto male l’accaduto, essendo dei fan di Francesco. W CAPRICCIO!!

  7. antonello ha detto:

    mi dispiace conoscevo lui e famiglia…………………………….. IL CAPRICCIO REGNERA’ anche senza di lui

  8. miki ha detto:

    Capriccio per me era un buffone

  9. unico volvo ha detto:

    cmq secondo me x quanto un sia sbruffone o no se de cesare aveva le palle ricambiava con la stessa moneta questo dimostra l incapacita” di persone senza carattere questo lo chiamate onore .w “capriccio” .

  10. Lukas ha detto:

    All 3 credits each Final Project – for a candidate to undertake the project, it is likely that Paphos Car Hire will receive EURO17 million were mistaken.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: