Tredicenne rapita e rinchiusa in un podere: 6 arresti

Segue l’articolo di Michele Toriaco pubblicato sulla Gazzetta del Mezzogiorno in merito all’ultima operazione effettuata dai militari dell’Arma dei Carabinieri.

ARRESTO

Troppo piccola e fragile per avere la forza di opporsi al suo destino segnato da un imminente matrimonio combinato contro la sua volontà. Ma all’ultimo momento sono intervenuti i carabinieri di Torremaggiore e San Severo assieme a una pattuglia di colleghi di Lesina a salvarla da quell’incubo, liberandola dalla improvvisata prigione in un casolare di campagna, a pochi chilometri da Torremaggiore in contrada “Figurella”. Laddove la ragazzina rumena tredicenne, protagonista suo malgrado di questa drammatica vicenda, era stata segregata da un gruppo di suoi connazionali, tre uomini e tre donne, tutti arrestati. Si tratta di: Dinca Sorin, di 19 anni, Nederu Octavian (39) e Sandu Judet (37) che si trovano nel carcere di Lucera, mentre le tre donne Dinca Mariana (42 anni), Budica Florina (21) e Costache Lacra Mioara (39) sono state accompagnate presso la casa circondariale di Foggia.

Dalla ricostruzione fatta dai carabinieri di Torremaggiore, ai quali si era rivolta per chiedere aiuto la madre della giovanissima promessa sposa, ci si trova di fronte a un tipico caso di sequestro di persona: la ragazzina sarebbe stata prelevata con la forza, contro la sua volontà, e sotto gli occhi impauriti del fratellino di 8 anni che era in casa con lei e che sarebbe stato anche picchiato dai presunti sequestratori, mentre la mamma e il fratello maggiore erano fuori, forse al lavoro o in città per fare spesa. Al loro rientro, la drammatica scoperta anche grazie a una telefonata fatta al fratello della vittima da uno del gruppo degli arrestati: un invito a desistere da qualsiasi tentativo di andare a prendersi la ragazzina, invito-minaccia che i due hanno però coraggiosamente ignorato, cercando inutilmente di riprendersi la tredicenne.
Arrivati infatti al casolare-prigione, madre e figlio hanno dovuto arrendersi alle minacce dei presunti sequestratori e quindi desistere dall’impre – sa di liberare la ragazzina. Al che la mamma della vittima non si è persa d’animo e assieme al figlio si è recata in città dove ha denunciato tutto ai carabinieri della locale stazione, dicendo che la ragazzina era stata prelevata contro la sua volontà dal casolare di campagna dove viveva con la sua famiglia.
Giunti sul posto, seguendo le indicazioni fornite dalla donna, le pattuglie dei militari dell’Arma hanno individuato il casolare dove alloggiavano i presunti sequestratori e quindi liberato la ragazzina, che comunque non avrebbe subito alcun tipo di violenza fisica, e arrestato i 6 rumeni. «È fuori dubbio – come spiega il tenente Giuseppe Mineo del comando Compagnia carabinieri di San Severo – che solo il tempestivo intervento delle nostre pattuglie, è servito a scongiurare il precipitare della situazione. La ragazza sequestrata – aggiunge l’Ufficiale dell’Arma – è stata trovata in buone condizioni di salute ed è stata subito riconsegnata la mamma. I 6 sono stati arrestati e dovranno rispondere di sequestro di persona. Un reato gravissimo, di grande allarme sociale».

Una risposta a Tredicenne rapita e rinchiusa in un podere: 6 arresti

  1. Gifan scrive:

    Casa circondariale?? Un pò di sani calci nel culo no?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: