Influenza A, due casi a Torremaggiore

Segnaliamo un articolo di Michele Toriaco pubblicato sulla Gazzetta del Mezzogiorno relativo ai due casi di influenza A (H1N1) riscontrati a Torremaggiore. L’ASL FG rassicura: Tutto vero ma allarmi inutili

ospedale torremaggiore asl fg

Nuova influenza “suina”, un nuovo caso accertato a Torremaggiore, ma per fortuna è già in via di guarigione, mentre su un altro si è in attesa dell’esito delle analisi di laboratorio.
Le persone colpite dal virus A (H1N1), meglio conosciuto più semplicemente come influenza “suina”, sono state ricoverate e curate nel locale presidio ospedaliero, hanno entrambi circa 60 anni e, come evidenziato dal personale sanitario della struttura, una di esse è in fase di superamento della malattia e nei prossimi giorni potrebbe essere dimessa.
Stando a quanto raccontato dal personale sanitario del presidio, il paziente affetto da influenza A (H1N1) in principio ha accusato i classici sintomi
che caratterizzano questa patologia influenzale, vale a dire febbre alta e problemi a carico dell’apparato respiratorio. Il medico che lo ha visitato ne ha consigliato il ricovero perché il paziente accusava una forma di dispnea, cioè delle difficoltà nella respirazione, tali da consigliare il ricorso alle cure del reparto di malattie respiratorio attualmente funzionante nell’ospedale di Torremaggiore.
Sottoposto quindi al protocollo terapeutico previsto dal ministero della Salute per casi come questo. La risposta alle cure farmacologiche è dunque risultata positiva, il paziente si è ripreso e come detto dovrebbe essere presto in grado di poter proteggersi adeguatamente, per cui – dicono al Ministero – basta osservare una serie di precauzioni semplici, in grado di prevenire la diffusione di germi che provocano infezioni respiratorie come l’influenza, sia quella classica stagionale che questa detta “suina”. Ecco le regole da seguire: coprire con un fazzoletto (possibilmente di carta) naso e bocca quando si starnutisce e poi gettare il fazzoletto nella spazzatura o nella biancheria da lavare dopo averlo usato; lavare spesso le mani con acqua e sapone e in particolare dopo avere tossito o starnutito, o dopo aver frequentato luoghi e mezzi di trasporto pubblico, se acqua e sapone non sono disponibili è possibile usare in alternativa soluzioni detergenti a base di alcol o altro disinfettante; cercare, per quanto possibile, di evitare contatti con persone che presentano sintomi di influenza; evitare di toccare occhi, naso e bocca con le mani non pulite perché i germi, e non soltanto quelli dell’influenza, si diffondono in questo modo; infine rimanere a casa se malati, evitando di intraprendere viaggi e di recarsi al lavoro o a scuola, in modo da limitare contatti potenzialmente infettanti con altre persone, nonché ridurre il rischio di complicazioni e infezioni concomitanti (superinfezioni) da parte di altri batteri o virus.

PER SAPERNE DI PIU’ SULLA INFLUENZA A (H1N1)
Ministero della Salute
Fonte Ministero della Salute

Attivato dal Ministero il servizio di informazione 1500 sull’influenza A (H1N1).

Il call center 1500 risponde dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle ore 18 ed offre informazioni sui seguenti argomenti:

* chiarimenti su disposizioni del Ministero
* misure di prevenzione
* terapie e corretto uso dei farmaci
* informazioni per i viaggiatori sull’influenza A (H1N1)
* situazione nazionale e internazionale dei casi di influenza A (H1N1)

Il servizio di informazione 1500 sull’influenza A (H1N1) è già stato attivo dal 28 aprile scorso al I luglio.

Durante la prima settimana di funzionamento dal 28 aprile al 5 maggio, subito dopo l’allerta internazionale da parte dell’Organizzazione mondiale della sanità, sono arrivate complessivamente circa 35mila chiamate. Hanno risposto medici del Ministero e operatori appositamente formati.

CALL CENTER INFLUENZA SUINA

Il 24 aprile 2009 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha allertato i governi sui possibili rischi connessi alla diffusione della nuova influenza da virus A(H1N1) nell’uomo e al suo potenziale pandemico, alzando rapidamente il livello di attenzione per la preparazione e la risposta a una pandemia influenzale. L’11 giugno l’OMS ha ufficialmente dichiarato lo stato di pandemia da nuovo virus influenzale con passaggio alla Fase 6 dei livelli di allerta pandemico, individuati dal Piano di preparazione e risposta alle pandemie influenzali. Lo stato di pandemia indica l’aumentata e prolungata trasmissione del virus nella popolazione in numerosi Paesi del mondo. L’Oms ha sottolineato il carattere “moderato” di questa pandemia. Come precisato dal Vice Ministro Ferruccio Fazio il massimo livello di allerta per la nuova influenza “non è dovuto alla gravità clinica dei sintomi, ma alla grande diffusione geografica del virus”.

Unità di crisi
Il Ministero ha istituito un’apposita Unità di crisi, presieduta dal Vice Ministro Ferruccio Fazio, per la sorveglianza e la prevenzione dell’influenza da nuovo virus A (H1N1) e l’attuazione del Piano, concordato con gli altri Stati dell’Unione Europea, di preparazione e risposta alla pandemia influenzale.

Vaccinazione contro la nuova influenza
Il modo migliore per prevenire l’influenza e le sue complicanze è rappresentato dalla vaccinazione della popolazione. In linea con quanto annunciato e con le raccomandazioni internazionali, il Viceministro alla Salute Prof. Ferruccio Fazio ha firmato il 30 settembre l’Ordinanza “Misure urgenti in materia di protezione dal virus A(H1N1)” che integra, tenendo conto delle indicazioni del Consiglio Superiore di Sanità, quella emanata l’11 settembre 2009. Il provvedimento individua con maggiore dettaglio le categorie di persone a cui è offerta la vaccinazione antinfluenzale con vaccino pandemico A(H1N1) a partire dal momento dell’effettiva disponibilità del vaccino.

Campagna di comunicazione: le regole della prevenzione
IL 6 ottobre, nella sala stampa di Palazzo Chigi, il Viceministro della Salute, Prof. Ferruccio Fazio, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega per l’Informazione e l’Editoria, on. Paolo Bonaiuti, e il capo del Dipartimento Informazione e Editoria, Elisa Grande, hanno presentato la campagna di comunicazione istituzionale per la prevenzione dell’influenza A. Testimonial e protagonista di spot e manifesti Topo Gigio. Ha partecipato alla conferenza l’ideatrice di Topo Gigio, Maria Perego, che ha concesso gratuitamente l’utilizzo del personaggio.
Guarda il video della Conferenza con lo spot

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: