GdM:Addio a gesso e cassino, arriva la lavagna multimediale all’ITC Leccisotti

Segue articolo del giornalista Michele Toriaco pubblicato sulla Gazzetta del Mezzogiorno del 5 ottobre 2010.

null

Vanno definitivamente in soffitta gessetti e cancellini, in classe entra la “lavagna interattiva multimediale”. Frutto di avanzate acquisizioni tecnologiche applicate alla didattica, la nuova lavagna digitale è oggi utilizzata anche nell’Istituto tecnico commerciale “Leccisotti” di Torremaggiore. Per ora, come spiega il preside Nazario Angelo Manduzio, la prima Lim è stata installata da quest’anno scolastico in una delle classi, ma in seguito tutte le aule didattiche ne avranno una a disposizione. Si tratta di un dispositivo elettronico che ha le dimensioni di una tradizionale lavagna d’ardesia sulla cui superficie è possibile scrivere, gestire immagini,
riprodurre file video, consultare risorse web. Le Lim sono in commercio dal 1991 e inizialmente hanno avuto
una diffusione nelle scuole del Nord America e di lì soprattutto in Gran Bretagna dove è stata favorita una sua introduzione massiccia nelle scuole primarie e secondarie di primo grado. I punti di vista sul suo impiego a scopo formativo sono tanti e vari ma tutti accomunati dal riconoscerne il potenziale in termini di apprendimento e di partecipazione da parte degli studenti.

null

«La nostra scuola – sottolinea il preside- a partire da questo anno scolastico, presenta una eccezionale novità didattica che coinvolgerà gli studenti delle classi prime. In queste aule vi sarà una lavagna interattiva multimediale e il coinvolgimento completo del corpo docente della scuola. Nessun docente è escluso da questa innovazione didattica. L’obiettivo, non del tutto ambizioso, è quello di dotare tutte le classi dell’istituto. Sarebbe un risultato che farebbe della nostra scuola un istituto di eccellenza per un territorio che ampiamente merita merita questa possibilità». C’è chi l’ha metaforicamente definita una piccola rivoluzione copernicana. Introdurre una lavagna interattiva in aula equivale ad “aprire” quella classe al digitale; significa, in qualche misura, invertire il senso di marcia della tecnologia. Non sono più infatti gli allievi ad essere portati in aula per la classica “ora di informatica”, ma è il multimediale ad entrare in classe e a rendersi immagine, video, web, risorse interattive. La
classe – è questa una delle opinioni correnti fra quanti hanno sperimentato la lavagna interattiva – diventa in modo nuovo un ambiente di apprendimento e di formazione in cui tutti possono interagire con quanto avviene sullo schermo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: