Filomena Cordone (SEL):riaprire la partita a Torremaggiore

Pubblichiamo la nota politica della Coordinatrice di SEL di Torremaggiore, Filomena Cordone. La responsabilità del contenuto della nota è esclusivamente dell’autore.

null

Con lo scioglimento del Consiglio Comunale di Torremaggiore si chiude una fase di grande confusione politica ed amministrativa, iniziata all’indomani del ballottaggio dell’ aprile 2010 e protrattasi fra mille intrighi fino a venerdì scorso.

Ci sentiamo sollevati per la conclusione di questa esperienza amministrativa guidata dal Sindaco Ciancio perché durante un anno di temporeggiamenti e rimaneggiamenti si sono innescati meccanismi di discredito e di delegittimazione delle istituzioni e dei partiti politici, di smarrimento delle regole e di scorrettezza politica e civica.

Senza nessuna retorica moralistica vogliamo ribadire che la coerenza deve essere il primo requisito per governare una comunità e che nessuno risultato e processo politico, per quanto difficili, possono giustificare passaggi da una sponda politica ad un’altra.

Non si può e non si deve tradire la fiducia degli elettori e degli attori stessi della politica.

Ora occorre riaprire la partita, mettere insieme e ricominciare, leggendo e interpretando le esperienze e le piccole grandi storie, per avviare una nuova narrazione.

Rilanciare un laboratorio di costruzione programmatica che parta dalla conoscenza del territorio, dei suoi problemi e delle sue risorse umane ed economiche , dalle aspettative dei ceti lavorativi, delle donne e dei tanti giovani in cerca di occupazione e di futuro.

Noi ci rivolgiamo alle persone di buona volontà, uomini e donne, che vogliono ridare un senso alla comunità, che vogliono restituire credibilità alla buona politica e alle buone intenzioni, che vogliono investire per ritrovare il desiderio di costruire insieme un futuro per Torremaggiore.

Il nostro è un paese dalle nobili tradizioni democratiche e allora abbiamo il dovere di non disperdere il nostro patrimonio civile e ripartire dalla nostra storia positiva per riaccendere l’entusiasmo.

Legalità, trasparenza, sicurezza, informazione.

Ripartire da questi obiettivi per avviare un programma di alleanze mirato a governare la Città,a far funzionare i servizi, a garantire diritti di cittadinanza, a proiettare Torremaggiore verso un benessere sociale di comunità basato sulla fiducia nelle sue istituzioni e sulla moralità di chi si propone a governarle. Vogliamo incoraggiare e sostenere la possibilità di un pensiero lungo e la costruzione di un movimento reale di partecipazione che non si esaurisca all’indomani delle elezioni.

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: